Prestiti facili: come accertare la presenza di un tasso usuraio

Indice dei contenuti

Anche i prestiti e i mutui possono avere delle certe controindicazioni. Per controindicazioni, in questo senso, si intende principalmente che dovete stare attenti a ciò che vi capita tra le varie possibilità. È risaputo che, parlando di un prestito in denaro, le singole condizioni e soprattutto gli obblighi da parte del richiedente possono essere davvero un salto nel vuoto. Per questo va fatta molta, ma molta attenzione.

Qui ci concentreremo sulla questione dei tassi usurari, una questione molto particolare riguardo i prestiti che qualche volta capita sulla strada dei più sprovveduti, o degli ingenui. Si tratta di una questione estremamente delicata perché ha a che fare con i tassi d’interesse, che fanno variare i costi aggiuntivi.

In questa guida ne parleremo approfonditamente, cercando di farvi comprendere perché dovete stare sempre attenti a ciò che scegliete e firmate. Capiremo insieme come trovare degli errori nei tassi d’interesse dei singoli prestiti e come risolvere eventuali problemi legati proprio ad essi.

Capiamo cosa vuol dire tasso usurario

Prima di proseguire genericamente con la nostra trattazione, bisogna ammettere che non è scontato che tutti sappiano il vero significato di tasso usurario. Cosa si nasconde dietro questo termine? Che vuol dire? Ecco perché questo primo paragrafo è dedicato proprio a tale argomento.

Perciò andiamo subito al dunque. Partiamo da un punto: chiunque sa che un prestito si basa su percentuali e tassi d’interesse. A seconda del tasso d’interesse che si sceglie, se fisso o variabile, se Tan o Taeg, si ha una certa percentuale in più da pagare (ovvero i cosiddetti oneri aggiuntivi). Ecco, partendo da qui, si arriva a capire cos’è un tasso usurario.

Si tratta, in sostanza, di un tasso che supera i valori effettivi che sono stati stipulati dagli organi competenti. In soldoni, se il tasso d’interesse del prestito che avete siglato va oltre determinate soglie di costi e percentuali, allora si tratta di tasso usurario. Già il nome, comunque, dovrebbe mettere in allarme in partenza, visto che ricorda pericolosamente il concetto di usuraio e di usura, che ricordiamo è illegale.

Riconoscere i segnali d’allarme

Credo sia abbastanza chiaro ciò che significa tasso usurario, adesso. Ma quali sono i segnali d’allarme? Una persona comune che non può mettersi a fare calcoli mentre firma un contratto, ha qualche possibilità di accorgersi che sta andando incontro a un tasso usurario? Non è affatto difficile imbattercisi, infatti.

Qualcosa per evitare brutte vicende si può fare, ma va sempre presa con le pinze e  l’attenzione deve restare altissima. A parte i calcoli iper specifici e tecnici, che solo i veri esperti e professionisti del settore sanno portare avanti, ci sarebbero alcuni segnali che potete cogliere anche se non siete dei tecnici.

La cosa che forse vi può aiutare di più ha strettamente a che fare con le informazioni. Prima di ogni altra cosa, è sempre un’ottima strategia quella di informarsi anche minimamente su ciò che trovate online. È importante che iniziate a conoscere il gergo basilare, gli acronimi e soprattutto le percentuali fisse e variabili del settore.

Un elemento fondamentale è quello che viene chiamato Tegm, ovvero il tasso effettivo globale medio (che ricorda un po’ il Tan e il Taeg). Il Tegm è ciò che vi dirà se il vostro tasso è sensato o c’è stata qualche irregolarità, così come il tasso di soglia. Se il tasso che è stato scelto per voi va ben oltre il tasso di soglia, appunto, allora potete star certi che si tratti di usurario.

Conseguenze

Come forse avete intuito, quando c’è un tasso usurario di mezzo, si sfocia nel penale. Quella di fornire un prestito o un mutuo con un tasso usurario è un’accusa davvero molto grave e con conseguenze estremamente severe per chi ne ha la colpa.

È immaginabile che il primo passo sia ovviamente relativo all’annullamento di alcune clausole proprio del prestito. Di solito, quando c’è un tasso usurario di mezzo, quelle spese aggiuntive e i vari oneri vengono annullati. Perciò la persona che ha preso i soldi in prestito dovrà solamente restituirli senza aggiungere più nient’altro (cioè il tasso d’interesse, in sostanza).

Una pena in denaro, in seguito, non sorprende. E in effetti, in concomitanza con tutto quello che concerne il penale, il colpevole dovrà sottostare anche a quella che possiamo definire propriamente una vera multa (e spesso anche parecchio salata).

Credo che però la cosa che allarmerà tutti è proprio la questione penale. È chiaro che, quando si è messi sullo stesso piano dell’usura, il penale è proprio scontato che arrivi. E infatti si rischia di andare in galera, oltre al pagamento della somma in denaro.

Come evitare strade pericolose

Siamo arrivati al capitolo finale, che come sempre cercherà di riassumere un po’ tutto quello che è stato detto in precedenza. Come avete potuto notare anche voi, non è così raro e impossibile cadere nei tranelli della finanza. È capitato e capita tuttora che ignari clienti si trovino ad aver firmato un contratto illegale e, soprattutto, che li svantaggia moltissimo.

Abbiamo visto i modi in cui potete, in un certo senso e con i vostri strumenti, evitare un problema e dramma di questo tipo. Leggere guide come questa, cercare di capire fino in fondo ogni singola caratteristica di un prestito, appurare che sia tutto in regola, informarsi attraverso i siti ufficiali dello Stato è il minimo che si possa fare. Cadere in trappole del genere può essere davvero fatale per il bilancio di una famiglia.

Chiaramente la strada della giustizia è la sola percorribile per fare un po’ di chiarezza, perché una volta che avete capito che il vostro prestito ha un tasso usurario, l’unica cosa da poter fare è quella di andare da un giudice e chiedere che venga fatta chiarezza. Prima lo si fa, però, e meglio è, dato che come ogni reato anche questo può cadere in prescrizione e può non essere più perseguibile.

Che tutto questo però non vi spaventi troppo: il mondo dei prestiti non è tutto meschino, sempre pronto a cogliervi di sorpresa. Se ne avete bisogno, fatelo, ma sempre con occhi attenti.