Prestiti facili: come avviene l’erogazione e qual è la modalità di rimborso

Indice dei contenuti

Riguardo i prestiti, ci sono domande che spesso vengono lasciate insolute, quasi date per scontate. Ad esempio, quanto ci vuole prima che un prestito abbia l’ok e possa partire? Quali sono le tempistiche per la cosiddetta erogazione? E poi, soprattutto, come funziona nello specifico il rimborso dei soldi? Ci sono modalità specifiche, tempi e condizioni?

Ogni prestito è a sé, e lo sappiamo tutti molto bene, ma la realtà è che non si può fingere ci siano sempre cose diverse per ognuno di questi prestiti. Più o meno parliamo sempre delle stesse modalità di restituzione, di consegna e di erogazione. Certo, queste dipendono dai singoli soggetti richiedenti, ed è su questo che andremo ad approfondire il discorso.

Questa guida sarà una mappa per i lettori che pensano un prestito possa andare per le lunghe e quindi superare le loro necessità. Leggete e vedrete che spesso non è affatto così.

Tempi e modalità di erogazione del denaro

Quante volte vi è capitato di parlare con qualcuno che, per motivi di tempo, ha rinunciato a richiedere un prestito? Si sentono spesso diverse persone che, all’improvviso, terminano la loro ricerca di un prestito o un mutuo perché hanno il terrore non arrivi in tempo rispetto alle loro esigenze e necessità. Ma è davvero un processo così lungo ed estenuante da togliervi il desiderio di perseguire il vostro obiettivo?

Non è sempre così. Sappiate che in linea di massima può volerci qualche giorno o qualche settimana. Solo in casi estremi si arriva ad un mese, ma spesso non conviene a nessuno. A seconda dell’ente di riferimento, poi, il denaro verrà inviato sul vostro Iban o magari in alcune particolari carte di debito. Ma da cosa dipendono questi tempi?

Intanto bisogna dire una cosa: di prestiti ce ne sono diversi, così come i clienti che li richiedono. Ognuno di loro appartiene a categorie più o meno sicure e tutelate, ed è questo, molto spesso, a fare la vera differenza. Le tempistiche per l’erogazione di un prestito, in altre parole, sono legate a doppio filo con il vostro profilo finanziario ed economico.

Ma non solo, perché a questo proposito cadono a fagiolo anche tutte le condizioni che il prestito vi richiede. Quindi le singole garanzie, un certo tipo di documentazione (che varia a seconda della somma e dell’istituto cui fate riferimento), tutte le carte riguardo l’Isee, la dichiarazione dei redditi, i vostri beni, e così via.

Differenze fra online e luoghi fisici

Se c’è una cosa che fa davvero la differenza per le tempistiche e le modalità di un prestito è dove lo fate. E in questo senso bisogna fare una distinzione tra l’approvazione del prestito e l’erogazione del denaro, perché sono due cose molto differenti e che di solito non vanno per nulla di pari passo. Tra l’ok della banca e l’erogazione di solito passa pochissimo tempo: si parla anche di un singolo giorno lavorativo, perché il grosso del lavoro è stato fatto. Tra la vostra richiesta e l’approvazione, invece, può intercorrere più di una difficoltà (e poi vedremo perché).

Tornando al titolo del paragrafo, è chiaro che optare per la soluzione web, tramite i vari siti delle banche e degli enti di riferimento, è ormai acclarata come la scelta migliore. Tutti i procedimenti sono più veloci e molto più snelli, senza contare che sprecherete meno stampe, optando invece per l’invio dei documenti scansionati.

Vi consiglio di recarvi fisicamente in banca solo e soltanto se questa è l’unica strada che avete. Non tutti gli istituti infatti hanno un’interfaccia internet e un sito da cui poter scegliere il prestito, per cui sarete obbligati ad andare nel luogo fisico.

E il rimborso? Caratteristiche e tempistiche

Veniamo al secondo tema importante dell’articolo: il rimborso. Una volta che la banca vi ha fatto arrivare i soldi con le modalità che abbiamo visto, tocca a voi piano piano farli tornare indietro (proprio perché si tratta di un prestito). Ma come?

La soluzione ormai più gettonata da chiunque è quella della divisione in rate del denaro che avete preso in prestito. Questa divisione dipende da una serie di calcoli e percentuali che non andremo a vedere in questa sede, ma riguardo i quali potete tranquillamente chiedere in banca. Di conseguenza, le tempistiche del rimborso dipendono da fattori intrinseci: la somma prestata, il tipo di tasso d’interesse e così via. C’è la possibilità di avere una rata al mese, oppure una ogni due, ad esempio.

Se scegliete un prestito rigido, però, non ci sarà alcuna possibilità per voi di saltare una rata. Non potrete, in altre parole, allungare le tempistiche del rimborso, e se lo farete, potreste entrare direttamente nelle fila dei cattivi pagatori.

Condizioni che possono rallentare i vari processi

Abbiamo appena accennato ai cattivi pagatori. Vedremo qui cosa sono, perché da questo dipende gran parte del nostro precedente discorso. Per comprendere bene i motivi per cui entrano in gioco delle lungaggini nelle richieste dei prestiti, infatti, diventa fondamentale parlare anche del vostra situazione finanziaria.

È infatti da sottolineare una questione basilare: se siete dipendenti con stipendio fisso è un conto, se siete lavoratori intermittenti o cose simili è un altro conto. E questo era solo un esempio, perché se ne potrebbero fare tanti altri. Avete già preso in passato un prestito? Se sì, avete rispettato i pagamenti? Siete stati ottimi debitori o avete saltato qualcosa? Queste sono domande le cui risposte spostano davvero l’equilibrio dei tempi di erogazione del prestito.

È evidente, quindi, che se siete pieni di debiti insoluti, non solo le tempistiche saranno lunghissime, ma probabilmente nemmeno riceverete i soldi. Da qui potete anche capire a cosa servono questi tempi più o meno lunghi: servono all’istituto per capire fino in fondo se può affidarvi del denaro che dovrete restituirgli.

Non solo questo, però, perché ogni banca ha bisogno anche di conoscere che tipo di garanzie potete offrirle. E ogni metodo riguardo le garanzie può snellire o appesantire i procedimenti di verifica. Ad esempio, fornire un garante esterno può semplificare di molto il processo.