Prestiti facili per consolidamento debiti: cosa sono e come funzionano, dettagli

Indice dei contenuti

Chi combatte con i debiti sa quanto possano diventare col tempo assillanti e insostenibili.

Come liberarsene?

Consolidamento debiti, di che parliamo?

Un modo c’è ed è quello di riunirli tutti sotto lo stesso ‘ombrello’ aprendo un solo finanziamento che li raggruppa: il prestito per consolidamento debiti.

Di che si parla?

In pratica, chi ha più prestiti e debiti da saldare li può convogliare in un solo prestito di consolidamento più conveniente caratterizzato, solitamente, da una rata complessiva che, fatta la somma dei finanziamenti in essere, risulta più bassa.

Siamo andati a cercare le soluzioni più facili e percorribili, per darvi una panoramica delle migliori proposte di mercato, anche sul piano della convenienza dei tassi di interesse, della semplicità di ottenimento e delle tempistiche più veloci.

Cosa s’intende per ri-finanziamento?

Semplice, chi ha più debiti può raggrupparli in un solo finanziamento più leggero e sostenibile facendovi confluire le rate residue di prestiti o mutui pregressi.

In alcuni casi, si può richiedere anche della liquidità in aggiunta alla somma necessaria alla copertura debitoria, in modo da poterla investire in altre spese o progetti.

In questi casi si parla di ri-finanziamento, ossia una soluzione che permette di accorpare più prestiti in uno solo, quello per il consolidamento debiti appunto, in grado di garantire una solvibilità più elastica e ‘indolore’.

Grazie al ri-finanziamento si può dire addio a prestiti contratti a tassi usurari o spalmati su piani di rimborso troppo corti che fanno lievitare la rata oltre misura e finiscono per ‘strozzare’ il titolare del cumulo di debiti.

A chi conviene?

Sicuramente può trarre vantaggio da questo tipo di prestiti chi è gravato da un sovra-indebitamento più o meno pesante e che, di conseguenza, può trovare conveniente accendere un nuovo finanziamento in grado di estinguere gli altri, alleggerendo di fatto la propria posizione debitoria.

La domanda di un nuovo prestito di consolidamento debiti fa sì che i vecchi vengano estinti e ri-finanziati a condizioni e tassi agevolati generando un piano di ammortamento decisamente più ‘soft’ per il contraente.

Facile, anzi facilissimo…ma non per tutti

Se la soluzione del prestito di consolidamento debiti si prospetta come una manna per chi vuole svincolarsi dal ‘cappio’ dei debiti, non è tuttavia così facile e alla portata di tutti.

Pur essendo, infatti, uno dei meccanismi più semplici che fa leva sulla somma dei prestiti in corso da raggruppare in un solo finanziamento, c’è da dire che questa opportunità non è alla portata di tutti, ma bisogna rispettare determinati requisiti e fornire almeno qualche garanzia per poter sperare che l’impresa abbia successo.

Chi può chiederlo?

Non c’è nessun problema se a chiedere un prestito facile di consolidamento debiti è un lavoratore dipendente statale o un pensionato.

Entrambi, infatti, hanno la possibilità di contrarre un finanziamento sotto forma di cessione del quinto applicata al salario o all’assegno previdenziale.

Qualche complicazione in più potrebbe sorgere se a fare domanda di questo tipo di prestito è un dipendente privato, in questo caso fa testo l’affidabilità del datore di lavoro, comprovata dal tipo di contratto, meglio se a tempo indeterminato.

Parlando di debiti, viene subito da pensare che chi è indebitato spesso può saltare dei pagamenti o, peggio, finire nelle liste del Crif come cattivo pagatore.

Se rientrate in questa casistica, l’ottenimento di un prestito di consolidamento debiti è tutt’altro che scontato.

Se si è in grado di dimostrare di essere in possesso di un reddito da lavoro stabile, il problema non sussiste, ma se si versa in condizioni precarie difficili, acuite magari da segnalazioni e protesti, ottenere questi finanziamenti di alleggerimento del carico debitorio potrebbe rivelarsi un’impresa impossibile, specialmente se ci si presenta a mani vuote, senza reddito e senza garante.

I vantaggi dei prestiti facili per consolidamento debiti

Possono riassumersi in una terna i vantaggi dei prestiti per consolidamento debiti: rate più leggere, piano di ammortamento più  lungo e liquidità aggiuntiva da spendere in totale libertà, senza giustificativi da fornire al finanziatore.

Per i debitori ‘incalliti’ questo tipo di prestito facilita la vita e alleggerisce il fardello di spese da sostenere, riequilibrando le casse del budget personale o familiare.

In genere, il nuovo finanziamento che sostituisce gli altri pregressi è più conveniente in fatto di Tan e Taeg, intendendo con questi valori rispettivamente il tasso di interesse annuo al netto dei costi e il tasso globale comprensivo di tutte le spese accessorie.

Il contraente, quindi, ci guadagna non solo sugli interessi da corrispondere, ma anche in tranquillità riacquistando una qualità della vita più serena che si era andata, via via, abbuiando per via dei debiti contratti nel tempo.

Per garantire un maggiore risparmio nel rientro del debito, questi prestiti si avvalgono di piani di rimborso più diluiti nel tempo, che possono arrivare fino a 10 anni, proprio per consentire un calcolo rata più leggero.

Perché chiederli?

A questo punto la risposta all’interrogativo viene spontanea: per il vantaggio della rata unica che permette oltre all’accorpamento di più debiti, divenuti per molti un onere insostenibile, la possibilità di destinare altra liquidità a spese di ogni tipo, dall’acquisto di mobili ed elettrodomestici per la casa alla sostituzione della vecchia auto con una nuova e fiammante.

Senza contare che, aderendo alla misura del prestito per consolidamento debiti, si avrà un unico referente a cui rivolgersi, dal momento che gli altri finanziamenti in corso vengono, di fatto, estinti con l’apertura del nuovo.

Tutti i debiti, dicevamo, finiscono nella rete del nuovo prestito a rata unica, contribuendo alla definizione di un quadro debitorio meno pesante sia per persone fisiche che per soggetti giuridici.

Una soluzione indubbiamente vantaggiosa per chi combatte con bollettini e Rid e che, proprio grazie a questa soluzione, ritrova il sorriso e una gestione più fluida del proprio debito.

Ulteriori agevolazioni sono riservate a chi è in grado di fornire garanzie suppletive, come ad esempio il possesso di un immobile da ipotecare.

Fra le clausole contrattuali può farsi largo la necessità di stipulare un’assicurazione a tutela del contraente, qualora dovesse perdere il lavoro o subisse in futuro altri eventi sfavorevoli o calamitosi.

Le migliori soluzioni di prestito per consolidamento debiti

Ora che sapete cosa sono i prestiti facili per consolidamento debiti, se ne avete bisogno potete scegliere meglio a chi rivolgervi per scegliere la compagnia con il prodotto migliore per voi.

Partiamo dalle banche che non si sono lasciate sfuggire i vantaggi di questi prestiti di consolidamento che fanno ‘gola’ a molti.

Fra gli istituti di credito che hanno scommesso su questo genere di finanziamenti facili (ma non troppo) si distingue la gamma di finanziamenti ‘monorata’ di Banca Intesa Sanpaolo, che finanzia fino a 75.000 euro per sfoltire in un solo prestito un mucchio di debiti.

Con i prestiti di consolidamento Intesa Sanpaolo a erogazione rapida si ottiene una rata singola mensile più leggera e facile da gestire, oltre a un cospicuo risparmio sulle spese gestionali connesse al prestito.

Si è accodata nell’offerta di prodotti finanziari analoghi anche Banca Sella con le accattivanti proposte della sua linea di ‘personal credit’ che finanziano prestiti convenienti con Tan e Taeg di poco superiori al 7%.

Finanziarie ‘in pole’

Non parliamo, poi, della folta schiera di agenzie finanziarie che competono agguerrite per la ‘pesca’ del cliente indebitato, mediante messaggi promozionali attrattivi e offerte che esercitano un forte appeal su chi è a caccia di soluzioni ‘mangia-debiti’.

Se ritenete che i prestiti in essere a vostro nome sono troppi e vi affaticano, potete rivolgervi alle tante filiali di compagnie finanziarie presenti sul territorio, ma oggi operanti prevalentemente online, complice la pandemia da Coronavirus.

Fiditalia è una di queste società specializzate nell’erogare prestiti di consolidamento debiti, fra i tanti, con proposte di finanziamenti a rata unica con possibilità di richiedere una riserva di liquidità aggiuntiva.

Idem per altre finanziarie storiche, da Compass a Findomestic, top nell’erogazione di questo genere di finanziamenti concepiti per ridare ossigeno a chi è indebitato e cerca una scappatoia.

Prestiti facili di consolidamento debiti con BancoPosta

Anche Poste Italiane si cimenta con profitto nella corsa alla migliore offerta di prestiti per consolidamento debiti.

L’esclusivo prestito BancoPosta è finalizzato proprio al consolidamento dei debiti e offre al contraente uno strumento di semplificazione nel gestire più finanziamenti in essere, dando modo allo stesso di pianificare ogni adempimento con una sola soluzione valevole per tutti i pagamenti che è chiamato a rispettare.

Con il prestito di BancoPosta, attualmente in promozione, si ha la possibilità di saldare le scadenze in una sola rata, una chance offerta ai correntisti e ai titolari di libretti di risparmio postali nominativi ordinari o Smart.

Questa tipologia di prestito postale consta di un finanziamento formato da rate a tasso fisso della durata minima di 24 mesi e massimo di 96 e dà la possibilità di richiedere dai 3000 ai 50.000 euro a tassi agevolati.