Prestiti facili senza lavoro e reddito: è possibile accedere al finanziamento?

Indice dei contenuti

Le domande più frequenti riguardo i prestiti sono relative principalmente alle condizioni che le banche o gli istituti di credito mettono sulla strada per l’ottenimento dei soldi. Ora, in alcuni casi si è davvero molto severi, mentre in altri resta tutto flessibile. Ma una delle maggiori condizioni riguarda sempre la situazione lavorativa del cliente.

Se sei disoccupato, però, o comunque non hai un reddito tale da poter essere definito fisso, come si può fare? Esistono delle soluzioni per quelle persone che non possono vantare una busta paga o un contratto di dipendenza con qualche azienda? Se vi rispecchiate in queste domande, la guida che leggerete fa proprio al caso vostro.

Vedremo insieme come fare per accedere a un prestito anche se non si ha un lavoro o una rendita fissa ascrivibile a un lavoro, vedremo quali condizioni dovrete rispettare e come rendere la vostra posizione affidabile.

Prestiti senza reddito: chiarimenti

Benché possa sembrare un concetto molto astratto e legato esclusivamente alla disoccupazione, in realtà l’idea del “senza reddito” ha a che fare con un mondo molto più ampio che è giusto conoscere. Solo così potrete capire se anche voi che leggete ne fate parte.

La prima categoria, diciamo così, che appartiene a questo mondo è quella ovviamente dei disoccupati. Non sto qui a spiegarvi altro, perché già la parola ha in sé il concetto principale.

Le altre categorie, che sono davvero tante, si distribuiscono su tutto lo spettro lavorativo. Tanto per fare qualche esempio, possono considerarsi facenti parte della categoria anche i liberi professionisti e le casalinghe, oppure gli studenti, o ancora quelli con contratti di tre o sei mesi, con contratti di tirocinio o stage, e così via.

Non entrerò nel merito di ognuna di queste denominazioni, ma sappiate che hanno tutte la possibilità di accedere ai cosiddetti prestiti senza busta paga.

Spiegazione generale delle modalità

Eccoci alla sezione più importante: le modalità del prestito. Dicendo questo, rispondiamo alla domanda che dà il titolo alla guida. Sì, è possibile accedere ai finanziamenti pur non avendo una rendita fissa e stabile. È chiaro però che le modalità cambiano a seconda della situazione, perché comunque rimane il fatto che tecnicamente non avrete molte garanzie.

La prima cosa da dire è che se siete senza reddito o lavoro è molto probabile che dobbiamo sopperire con altro, ed è qui che entrano in gioco le possibilità. Dato che vi servono le garanzie che uno stipendio non può darvi, visto che non ce l’avete, allora potrete ripiegare come molti sulle vostre case. Usare quindi la casa come garanzia è la prima scelta. È molto pericolosa però, perché se poi non ripagate il prestito, la casa andrà in mano al creditore.

Ma mettere un’ipoteca, come dicevamo, è una soluzione estrema. Se avete comunque una casa vostra, l’ipoteca non è l’unica e sola possibilità. Ad esempio, se quella casa la mettete in affitto, ne ricaverete una rendita. Ecco, su quella rendita potete fondare la vostra garanzia. Fungerà da stipendio, in un certo senso, lasciandovi liberi di non ipotecare niente.

Se invece non avete alcun tipo di proprietà, allora c’è sempre la possibilità che qualcuno si faccia carico del vostro prestito. Un garante in persona servirà alla causa.

Come avrete capito, le garanzie sono tutto. Ma se non le avete? Se nessuna delle due ipotesi formulate sopra riguardano la vostra situazione, come si può fare? Semplicemente non si fa. Non potrete arrivare al prestito, perché la banca non può assolutamente rischiare di prestare i soldi a qualcuno senza avere affidabilità in cambio.

Ci sono delle alternative ai modelli principali?

Dato che siamo qui per spiegarvi come accedere ai prestiti anche senza avere un lavoro, non possiamo evitare di dire che, oltre a quello che abbiamo già visto, esistono alcune modalità che comunque implicano altri tipi di garanzie.

Mettiamo il caso che non siate proprio disoccupati, ma che semplicemente abbiate un contratto un po’ ballerino, magari a tempo determinato. Ecco, in questo caso avreste la garanzia di uno stipendio, anche se non propriamente fisso. Quindi che si può fare?

Una delle soluzioni più gettonate riguarda la possibilità di usare il vostro stipendio come pegno, o meglio, una piccola parte del vostro stipendio. Questa operazione prende il nome di “cessione del quinto”. Spesso viene usata proprio da coloro che non hanno una rendita stabile (il discorso non vale per i liberi professionisti, invece).

Un’altra soluzione, che però a dire il vero è ormai in disuso, riguarda la possibilità di utilizzare le vecchie cambiali per arrivare a un prestito. In pratica le cambiali, in questo caso, sostituiscono i pagamenti a rate. I vantaggi di questa soluzione sono la sua rapidità ed esecuzione, visto che sono una pratica e un processo molto più veloci sia da richiedere che da approvare. Gli svantaggi, però, riguardano i costi e i rischi, che al contrario delle altre strade, sono decisamente più alti.

Conclusioni

Dato che la guida è incentrata sui senza reddito e lavoro, è bene chiudere proprio con qualche considerazione e consiglio a riguardo. Non posso negare che, se non avete garanzie di alcun tipo, come dicevamo sopra, è sostanzialmente impossibile prendere un prestito classico, che sia personale o finalizzato.

E allora come si fa? Beh, tutto dipende dallo scopo per cui volete in prestito quei soldi. Perché se ad esempio avete in mente un’idea innovativa o imprenditoriale, anche se in questo momento siete senza lavoro, esistono comunque i prestiti a fondo perduto, spesso finanziati dallo Stato o dall’Unione Europea.

Questi prestiti, infatti, non richiedono alcuna garanzia (nella maggior parte dei casi) e sono finalizzati a finanziare progetti meritevoli. Se poi siete anche giovani, ancora meglio: spesso questi prestiti implicano una gara d’appalto, una vera e propria selezione, e sono indirizzati perlopiù ai giovani.

Capite bene che nulla è perduto, dunque, perché dipende principalmente dalle motivazioni che vi spingono a cercare quelle somme. Una volta ottenuto, il prestito a fondo perduto non vi obbligare a pagare rate o cambiali di nessun genere. Il denaro servirà a voi soltanto per far partire la vostra attività.