Prestito facile finalizzato e non finalizzato: tutte le differenze

Indice dei contenuti

Quante volte capita di voler acquistare un bene o un servizio, ma che esso tuttavia presenta un prezzo fin troppo alto per le nostre tasche? Con ciò non si intende solo una nuova macchia o un fantastico televisore ultra piatto. I soldi, in fondo, permettono di acquistare qualsiasi cosa. E se volessimo imbarcarci nella nostra crociera dei sogni?

Insomma, nella vita almeno una volta, capita sempre di desiderare qualcosa e che quel qualcosa, per essere ottenuta, necessita di denaro. Il finanziamento, in tal caso, per la maggior parte delle volte si considererà un’operazione imprescindibile al fine di ottenere ciò che si desidera. Ma come funziona? Esistono differenze tra un prestito e l’altro?

Nella guida che segue oggi, vorremmo introdurre quest’interessantissimo argomento e chiarire in modo semplice e pratico quale sia la differenza sostanziale tra una tipologia di prestito e l’altra. Capiremo insieme cosa occorra per farne domanda e chi ne eroga la somma. Se siete interessati, non vi resta che proseguire nella lettura e scoprirne quindi qualcosina in più tra dettagli e info utili!

Prestiti? Che confusione! Quale scegliere?

Il mondo dei finanziamenti, per la precisione quello che mira ai prestiti, offre tantissime soluzioni e una moltitudine di offerte che potrebbero fare più o meno al caso nostro. Prima di addentrarci in questa giungla finanziaria, è fondamentale tenere a mente un aspetto che vi aiuterà già a distinguere un tipo di prestito dall’altro. Esistono, infatti, due macro-categorie, utili a identificare la natura del prestito. Ecco quali:

  • Prestito Personale.
  • Prestito Finalizzato. 

Cosa cambia tra le due? Tra un prestito personale ed uno finalizzato, diciamo che cambia tutto. Oggi, nello specifico, andremo ad analizzare il prestito del secondo tipo, ovvero quello finalizzato. Ma giusto per avere le idee ancora più chiare, spiegheremo in breve anche il prestito personale. Così da non lasciare nessuna perplessità.

Prestito personale.

Quando parliamo di prestito personale, parliamo di un finanziamento concesso da un ente di credito o un istituto bancario che, esaminate documentazioni e credibilità creditizia del potenziale cliente, si avvarrà della facoltà di erogare o no la somma richiesta. Il fulcro di tale prestito, quindi l’elemento che lo contraddistingue dalla tipologia che interessa a noi spiegarvi oggi in questa guida, è che al momento della stipula del contratto e del corrispettivo piano di ammortamento, non verrà specificata alcuna motivazione di spesa della somma concessa. In brevi parole, i soldi che otterremo dalla banca, sarà possibile gestirli spendendoli in totale autonomia e per acquisti differenti senza vincoli né limitazione alcuna.

Da ciò si traduce, che il prestito personale, è sicuramente più ambito sotto molti aspetti, anche se non sempre è così facile ottenerne uno. Per lo meno se si trattasse di un prestito dal capitale richiesto molto elevato.

Prestito finalizzato? Ecco cos’è e come fare per ottenerne uno.

Un’altra premessa che ci sentiamo di fare, è che a prescindere dalla tipologia di prestito richiesta, un elemento che sarà sempre richiesto al potenziale cliente dalla banca o dalla finanziaria, è la giusta credibilità creditizia. Ma che cosa significa?

Ebbene mettiamola in questo modo, senza le dovute garanzie, banche e finanziarie difficilmente concederanno anche il più basso dei prestiti. Ciò è spiegato dal fatto che, i soldi che vengono concessi, andranno restituiti non solo in termini di capitale complessivo, ma anche di corrispettivi interessi. Ecco che senza una garanzia di reintegro del denaro, la banca avrà qualche remora in più nel versare soldi. Come facciamo ad avere una valida credibilità creditizia?

Un impiego pubblico, una busta paga, la pensione. Questi sono solo alcuni esempi ma che accertano in modo assoluto che il cliente abbia un introito mensile certo e che quindi, di conseguenza, sarà perfettamente in grado di pagare le eventuali rate mensili del prestito. Ma come fare per ottenere un prestito finalizzato? Prima di tutto occorre la giusta documentazione:

  • Carta di identità in corso di validità.
  • Codice Fiscale.
  • Documentazione che attesti un reddito mensile: Busta paga, cedolino della pensione, ecc.
  • Eventuali garanzie aggiuntive richieste.
  • Se necessarie, polizze assicurative.

Ma in cosa si differenzia il prestito finalizzato da quello personale? 

Eccoci al nocciolo della questione. Il prestito finalizzato è un prestito specifico per l’acquisto di un solo bene o servizio e che quindi prevede un improrogabile vincolo di spesa. Spesso viene stipulato direttamente in un punto vendita o dove vengono offerti servizi. Un’agenzia di viaggio o un negozio di elettronica ad esempio.

L’iter è più o meno il seguente. Decidiamo di acquistare un prodotto per la quale non abbiamo il denaro. All’esercente del punto vendita manifesteremo l’interesse di acquistare attraverso un finanziamento. A questo punto, sarà lo stesso esercente (mediante convenzioni già presenti con una o più finanziarie) a richiedere il finanziamento. Noi, una volta accordato il prestito, saremo obbligati all’acquisto e al versamento delle corrispettive rate. Ma i soldi chi li ha? Di certo non il cliente. Infatti il più delle volte, in un prestito finalizzato non si otterranno soldi ma direttamente il servizio o il bene per il quale si è avviata l’operazione.

Vantaggi di un prestito finalizzato?

Certo, a discapito del prestito personale, quello finalizzato potrebbe sembrare fin troppo limitativo. Tuttavia malgrado ciò presenta degli interessanti vantaggi:

  • Molto rapido da ottenere.
  • Presenta costi di interessi assai più bassi. 
  • Garanzie non vincolanti. Spesso è lo stesso oggetto a valere da garanzia.

Un prestito finalizzato lo potranno ottenere praticamente tutti. Basterà aver raggiunto la maggiore età, offrire le giuste garanzie, esibire un reddito mensile e non essere stati segnalati al CRIF come cattivi pagatori.

Conclusioni.

Abbiamo visto che il prestito finalizzato ha pur sempre dei vantaggi e se siamo interessati all’acquisto di un singolo prodotto o servizio, si rende quello più facile e rapido da ottenere. Il consiglio, è quello di eseguire una ricerca online e valutare i numerosi preventivi gratuiti. Questo al fine di inquadrare in modo assai più chiaro, costi e spese per ciò che riguarda le rate e la loro ipotetica durata nel tempo.

Tutto questo, sarà possibile scoprirlo anche in negozio. Sarà il consulente incaricato ad esporre proposte e costi in rapporto alla condizione finanziaria del cliente.